:::: MENU ::::

Teoria del colore: il significato dei colori e il loro uso

Lo studio del colore è un campo che mi ha sempre affascinato e molto volentieri spendo del tempo libero per approfondire gli argomenti sulla teoria e la psicologia del colore. 

In questo articolo vedremo i significati dietro le diverse famiglie di colore e del loro possibile utilizzo in ambito web. Parleremo successivamente della tonalità, delle variazioni cromatiche, della saturazione, delle tinte e delle sfumature e di come queste variazioni influenzano il nostro modo di percepire i colori. Spenderemo successivamente qualche parola di come i colori possono migliorare le prestazioni della nostra memoria.

La scelta del colore nel design è molto soggettiva. La reazione che il colore evoca potrebbe cambiare da persona a persona. Questo è dovuto a volte a gusti e preferenze personali ma altre volte a causa del background culturale. La teoria del colore può essere considerata una scienza. Studiare come i diversi colori influenzano le persone, individualmente o come gruppo, è diventata una vera e propria professione. Basta cambiare semplicemente la tonalità del colore o la saturazione per evocare sensazioni completamente diverse. Inoltre le differenze culturali fanno sì che qualcosa che rappresenta felicità in un paese, può rappresentare qualcosa di deprimente in un altro.

Continue Reading


Responsive design vs Adaptive design: cosa scegliere?

Il Responsive Web Design (RWD) è ormai diventato lo standard per la creazione di siti web accessibili sia su pc desktop / notebook che su una vasta gamma di dispositivi mobili come smartphone e tablet. Ma siamo sicuri che il responsive design sia la risposta per coinvolgere a pieno gli utenti di dispositivi mobile? Ha un senso rendere un sito web responsive se poi la mobile user experience è la stessa di un utente desktop, se non addirittura peggiore dovuta ai tempi di latenza della connessione, la lentezza e dulcis in fundo proprio il dispositivo?

Probabilmente no, o forse, decisamente no.

Continue Reading


Ecco perché gli sviluppatori sono pure artisti

Ci sono diversi motivi per cui gli sviluppatori assomigliano a degli artisti. Queste percezioni si basano su osservazioni sul posto di lavoro e sull’esperienza personale. Paul Graham , fondatore di Y-Combinator, ha scritto un articolo di qualche anno fa chiamato hacker e pittori. Ha descritto come la gente sembri sorpresa del fatto che qualcuno interessato a computer fosse anche interessato all’arte. Si potrebbe pensare che l’hacking e la pittura sono molto diversi tra loro – da una parte la programmazione, fredda, precisa e metodica, e dall’altra parte la pittura, calda e creativa. In realtà niente di più sbagliato, poichè sviluppatori e pittori hanno parecchie caratteristiche in comune. Vediamo quali.

Continue Reading


Calcolare la distanza di due punti della terra: la formula dell’emisenoverso.

Tempo fa ho avuto la necessità di implementare delle funzioni per estrarre da un database tutti i comuni limitrofi ad un punto dato. L’utente inseriva il nome della città, venivano ricercate le corrispondenti coordinate geografiche utilizzando i servizi di Google Maps e poi, attraverso una query di ricerca, veniva interrogata la base dati restituendo i comuni limitrofi in un raggio di km prestabilito (in linea d’aria!). Continue Reading


Le nuove tendenze tecnologiche dell’elearning

Oggi più che mai, l’importanza di un LMS di qualità viene riconosciuta dalle organizzazioni di tutto il mondo. Le aziende fanno ricorso sempre più spesso ad attività di formazione del personale per migliorare le prestazioni del proprio staff, la produzione e i processi produttivi. Pertanto, come non mai, è diventato ancora più necessario disporre di un sistema LMS aggiornato e funzionale e affidabile.

Naturalmente, ogni progresso tecnologico, è accompagnato da un’evoluzione sistematica dei sistemi LMS cercando di adattarsi e integrare il più possibile quanto le nuove tecnologie hanno loro da offrire.  Continue Reading


Come funziona davvero l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO)?

Nel mio articolo precedente, “Come funziona davvero Google Search?” abbiamo visto le basi su come Google esegue la scansione del web, indicizza i dati e presenta i risultati di ricerca utilizzando un sistema a punteggio chiamato PageRank per determinare quali collegamenti devono essere visualizzati per primi. Vi ho promesso, alla fine dell’articolo di parlare del SEO e dei metodi (leciti) per aumentare il pagerank.

Il termine SEO è sempre più spesso utilizzato in ambito informatico. Libri, seminari, siti web e professioni sono state creati per promuovere e discutere questo argomento. In questo articolo vorrei presentare le possibilità che Google mette a disposizione dei webmaster in ambito SEO. In sostanza, le raccomandazioni di Google sono basate sul controllo dei contenuti, procedure tecniche e controllo sulla qualità. Google inoltre fornisce alcune istruzioni su come aggiungere l’URL del sito e una sitemap per agevolare al meglio il processo di indicizzazione. Continue Reading


Come funziona davvero Google Search?

C’è poco da dire: Google non è un motore di ricerca; Google è il motore di ricerca. Vi capita spesso di usare Google? E non vi chiedete mai il motivo per cui alcuni risultati vengono visualizzati prima rispetto ad altri? Forse perchè alcuni link sono più attinenti che altri, oppure perchè vengono aggiornati spesso… Insomma, in parole povere, come fa Google a stabilire l’ordine di priorità dei risultati? Ma poi perchè mi faccio queste domande, quando posso cercare con Google le risposte? Continue Reading


Centrare un DIV in verticale e orizzontale

Spesso ci capita di dover centrare degli elementi contenuti all’interno di un <div> più grande e di dimensioni prefissate. Sappiamo che se utilizziamo l’attributo margin: 0 auto; l’oggetto viene centrato in orizzontale. Scrivere margin: 0 auto; equivale a dichiarare:

Tuttavia, questo metodo non centra l’oggetto contenuto nel <div> in verticale. In realtà, anche utilizzando margin-top: auto e margin-bottom: auto, non risolveremmo un bel niente. 

Per risolvere questo piccolo grande problema, ci viene in aiuto un trucchetto che permette di risolvere il problema. Vedremo come centrare l’oggetto in verticale e in orizzontale relativamente alla pagina, quindi al tag <body>. Per fare questo, occorre definire un #ID nel nostro foglio di stile come di seguito specificato:

e poi applicarlo al tag <div>

Con lo stesso meccanismo, possiamo centrare un <div> all’interno di un altro <div>, ma sarà necessario specificare delle dimensioni prefissate sia in altezza che in larghezza anche per il <div> più esterno.

e quindi, in html, scriveremo:

Semplice, no?


Google Glass in ambito medico?

I Google Glass saranno probabilmente disponibili all’inizio del 2014, e mentre Google ha incentrato la campagna di comunicazione sull’uso “social” degli occhiali, c’è chi pensa come questa nuova tecnologia possa avere applicazioni di vasta portata in ambito sanitario sia personale che professionale.

google-glass-works

Centri di ricerca e medici di tutto il mondo hanno mostrato un interesse a sperimentare ed esplorare le potenzialità di Google Glass in ambito medico.

Con un concorso pubblico, Google ha selezionato 8.000 “vincitori” per acquistare i Google Glass a 1.500 dollari. Questi vincitori sono diventati il gruppo di utenti beta che ha sperimentato gli occhiali in vari ambiti, aiutando Google a risolve i bug prima del definitivo lancio sul mercato. Tra questi beta-tester il centro medico Radboud University in Olanda è stato il primo sistema sanitario a testare i Google Glass in Europa. L’ospedale, che rappresenta un importante centro di innovazione, ha voluto esplorare i vantaggi di questa nuova tecnologia, diventando così parte integrante della campagna di marketing di Google.

Ma esattamente come potrebbero essere applicati in ambito medico i Google Glass? Gli specialisti pensano che le possibilità siano infinite. Medici e operatori sanitari possono accedere alle informazioni in tempo reale, indossando gli occhiali di Google. Oppure potrebbero comunicare con colleghi a distanza, attraverso la webcam integrata negli occhiali, ottenendo un feedback immediato per migliorare l’efficienza e la qualità delle cure prestate al paziente. Ma il vero potenziale si potrebbe avere in sala operatoria. I chirurghi potrebbero vedere i risultati della TAC del paziente in tempo reale e ottenere un feedback sui loro progressi per migliorare i risultati.

Harry Van Goor è chirurgo e docente in chirurgia presso la Radboud University. Ha testato i Google Glass durante un’operazione addominale. Ha filmato l’intervento per tre ore con i Google Glass e ciò ha permesso agli studenti di seguire l’intervento dal punto di vista del medico chirurgo. Anche se il filmato era un po’ traballante, i primi risultati sono promettenti.

Oltre ad essere uno strumento didattico, Van Goor ha utilizzato gli occhiali come strumento di documentazione e registrazione delle procedure adottate nell’intervento chirurgico. “Di solito è possibile prendere appunti registrando la voce con un microfono, ma attraverso i Google Glass è possibile registrare il video oltre che l’audio, ottenendo una documentazione molto più precisa e affidabile”, spiega Van Goor.

Molti sostengono che operando con un menu pop-up davanti all’occhio possa essere fastidioso per il chirurgo. Secondo Van Goor invece ciò non rappresenta un problema: “il piccolo schermo in alto a destra dei Google Glass è sopra il mio occhio. Quando faccio l’intervento devo guardare in basso e non ho problemi di visuale o altri distrattori, quindi posso concentrarmi totalmente sul mio lavoro”, ha aggiunto.

Un altra critica che spesso viene avanzata è se la tecnologia dei Google Glass riesce a fornire una protezione adeguata della privacy dei pazienti. Effettuare registrazioni su di essi potrebbe rappresentare una evidente violazione della privacy. Se gli ospedali vogliono massimizzare l’utilità di Google Glass, è necessario avere l’accesso ad informazioni specifiche del paziente. Tutto ciò potrebbe essere un chiaro ostacolo in ambito sanitario se non si utilizzano adeguati sistemi di protezione e autorizzazione all’accesso delle informazioni.

Quindi, anche se le applicazioni in ambito healtcare potrebbero sembrare infinite, Google Glass è ancora poco più di un prototipo, il che rende difficile prevedere il suo futuro nel mondo della sanità.


Qualche consiglio per migliorare un corso e-Learning

Creare un corso distribuito su piattaforma e-Learning richiede molta più pianificazione e dettagli di quanto si pensi. Un corso ben fatto e ben organizzato avrà un impatto positivo sulla formazione delle persone, soprattutto in un ambito aziendale. Dal momento che l’e-learning si è imposto come strumento per veicolare una buona formazione, vediamo quali potrebbero essere 5 punti da tenere a mente durante la progettazione del corso per evitare che il corso si riveli un disastro. Continue Reading


Pagine:1234567

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close