:::: MENU ::::
Browsing posts in: Design

Teoria del colore: l’occhio umano e la visione del colore

Il nostro sistema sensoriale principale e più utilizzato è senza dubbio la vista. Attraverso gli occhi è possibile percepire gli stimoli luminosi e, quindi, la figura, il colore, le misure e la posizione degli oggetti. Si calcola che circa il 70 % delle informazioni che inviamo al nostro cervello provenga dal sistema visivo.

Come abbiamo accennato negli articoli precedenti, il colore è luce e la luce è la radiazione, compresa in un intervallo molto limitato dello spettro elettromagnetico, che l’occhio umano riesce a vedere (diversamente dalle radiazioni ultraviolette, l’infrarosso, i raggi X, i raggi Gamma, tra l’altro tutte molto pericolose…). L’occhio umano funziona un po’ come il nostro cellulare: riesce a catturare ed elaborare solo il segnale propagato dalle antenne (celle) nelle vicinanze, mentre ignora segnali con frequenze diverse (tipo radio, TV, satelliti). Continue Reading


Chunking e eLearning: cosa sono e come ottimizzarli?

Leggere “su Internet” è una delle principali attività di ogni utente. Si leggono – con gradi e tempi diversi – notizie sui giornali, sui blog o sui profili personali dei social network. Proprio per questo, la lettura su Internet ha profondamente cambiato il modo con cui le persone processano le informazioni. Ciò ha provocato notevoli trasformazioni in quei settori dove il design deve adattarsi alle nuove tecnologie, primo tra tutti l’eLearning. I progettisti e i creatori di corsi eLearning sanno benissimo di dover modellare i propri i contenuti per soddisfare il comportamento degli studenti rispettando un adeguato livello di accessibilità. E qui entra in gioco la teoria dei chunking. Nella psicologia cognitiva il termine chunk viene utilizzato per indicare un’unità di informazione, di conseguenza il chunking è il processo che permette di acquisire tale unità di informazione.

Un grave errore di molti “designer” di eLearning è quello di mostrare agli studenti troppe informazioni in una volta sola. Invece, è sempre meglio limitare la presentazione dei contenuti per evitare un sovraccarico cognitivo della memoria di lavoro e attivare le connessioni con le informazioni già presenti nella memoria a lungo termine. Attraverso il chunking è possibile raggiungere questo obiettivo: si presenta una grande quantità di contenuti in piccoli moduli per facilitare la lettura, l’elaborazione e la memorizzazione delle informazioni. Questa tecnica risulta efficace soprattutto in quei corsi in cui si affrontano concetti complessi. Continue Reading


Gerarchia visiva delle informazioni

L’obiettivo del visual design è quello di comunicare. Come organizzare e dare la priorità gli elementi veicolando informazioni preziose sulla loro importanza relativa? La gerarchia visiva aiuta la comprensione, rafforza il messaggio, e guida il lettore attraverso i contenuti.

Una gerarchia è – brevemente – un’organizzazione di elementi in diversi livelli di importanza. Attraverso dei principi di progettazione di base si sottolineano quali elementi rispetto ad altri siano più importanti e si progettano i contenuti per fornire indicazioni visive per gli elementi che stanno sullo stesso livello della gerarchia. L’organizzazione della pagina quindi crea un certo senso di ordine. Continue Reading


Gutenberg Diagram, Z-Pattern, e F-Pattern

Comprendere come gli utenti leggono sul web è fondamentale per costruire dei layout efficaci e posizionare i contenuti in modo tale da attirare più facilmente l’attenzione del lettore. Spesso la “letteratura” del design raccomanda l’applicazione di modelli di layout che consentono di ottimizzare la posizione degli elementi nello spazio. I più comuni sono il diagramma di Gutenberg, il layout z-pattern, e il layout f-pattern. Ciascuno offre dei consigli utili su come e dove posizionare le informazioni importanti, anche se spesso questi modelli vengono fraintesi e usati senza pensare a ciò che realmente descrivono. Continue Reading


Il Canvas in HTML5

HTML5_Logo_512Una delle caratteristiche salienti dell’HTML5 è sicuramente il nuovo elemento Canvas. Del tutto simile a qualsiasi altro tag HTML ma con l’unica eccezione che il suo contenuto viene renderizzato tramite Javascript. Canvas è quindi una “tela” digitale utilizzata per disegnare in maniera digitale. Avendo delle basi di Javascript, è possibile “disegnare” all’interno del canvas. Il funzionamento è abbastanza semplice: si definisce un <canvas> all’interno del body della pagina, vi si accede tramite Javascript, si crea un contesto e si inizia a disegnare. Fin qui, è tutto molto semplice.

Quando si utilizza un canvas, è importante capire la differenza tra l’elemento canvas e il contesto canvas (context), poichè tle differenza potrebbe portare confusione. L’elemento canvas è il tag HTML, il nodo DOM, che viene scritto all’interno di una pagina HTML. Il contesto è un oggetto con delle proprietà e metodi che puoi utilizzare per disegnare forme all’interno dell’elemento canvas. Il contesto può essere 2D o 3D. Ogni canvas contiene un solo context. Se ustiamo il metodo getContext() più volte, ritornerà come riferimento l ostesso oggetto context. Continue Reading


La proporzione divina applicata al web design

Chi non conosce il valore della proporzione divina, altrimenti detta sezione aurea? Per chi non lo sapesse è un numero irrazionale, è rappresentato dalla lettera greca Phi e vale 1,618 (solo per dare i primi tre decimali, visto che sono infiniti…).

E’ un numero importante e avvolto, se vogliamo, da un alone di mistero: è presente in natura cosi come in maestose opere architettoniche. È certo che scultori, pittori e architetti greci e romani – e, forse, ancor prima egizi – si servirono largamente della “proporzione divina”, tanto che secondo molti critici starebbe semplicemente qui il segreto dell’armonia inimitabile di quelle opere d’arte quali la Grande Piramide di Cheope, il Partenone di Atene, l’Arco di Costantino, il Pantheon di Roma, l’acquedotto di Segovia e del Gard. Queste e molte altre opere hanno dimensioni che rispettano la proporzione dell’1,618. Noi stessi siamo la prova vivente della proporzione divina. Non ci credere? Provate a misurare la vostra altezza, poi misurate l’altezza dall’ombelico al pavimento e provate a fare il rapporto dei due numeri. Non so se questo riuscirà a stupirvi, ma di sicuro il risultato si approssimerà a 1,6. E se non ci credete ancora, provate con le falangi della vostra mano…

golden-ratio-equation

Ma non voglio tediarvi ulteriormente su come si è arrivati in passato a trovare il numero (esistono infiniti articoli sul web), ma vorrei illustrare semplicemente come, questo numero divino, può essere semplicemente applicato a qualsiasi oggetto di design e cionondimeno al web design.

Un web designer dovrebbe sempre garantire ai visitatori di un sito web un certo senso naturale di ordine, armonia, equilibrio e comfort. La logica che sta alla base della proporzione divina è la convinzione che questo numero sia qualcosa di organico, universale, armonico ed esteticamente piacevole. Infatti, essendo tale rapporto evidente in molte cose esistenti nell’universo è probabile che possano migliorare notevolmente il design dei vostri progetti.

Continue Reading


SASS: Syntactically Awesome Style Sheets

Scrivere un foglio CSS di per sé può essere divertente, ma i siti si fanno sempre più grandi e complessi e di conseguenza i fogli di stile sempre più difficili da mantenere. Si ci comincia a chiedersi se c’è un modo per non ripetere un sacco di codice CSS nel foglio di stile. La buona notizia è che la soluzione esiste e si chiama pre-processore. Utilizzare metodi di pre-elaborazione fa risparmiare un sacco di tempo e fatica, perchè:

  • Consente di utilizzare variabili che possono essere riutilizzate nel foglio di stile
  • Linguaggio e sintassi di alto livello che offre numerose funzionalità avanzate
  • I file CSS vengono compilati e caricati sul server Web di produzione

Ci sono due metodi di pre-elaborazione: SASS e LESS. In questo articolo vedremo tuttavia il metodo SASS, Syntactically Awesome Style Sheets. Continue Reading


Ottimizzare lo scrolling web è possibile?

Lo scrolling di una pagina web non sembra essere qualcosa legato alle performance. In effetti, quando i contenuti di una pagina web sono stati caricati, perchè dovremmo mai preoccuparci di quello che accade quando avviene lo scroll della pagina? La ragione è semplice: quando si “scrolla” la pagina, il browser deve ridisegnare per intero la pagina nel monitor. Questo significa un dispendio di risorse in termini di calcolo che potremmo minimizzare riducendo il lavoro del browser nel ridisegnare la pagina e di conseguenza massimizzare la performance della pagina. Continue Reading


@font-face: font personalizzati nel proprio sito web

@font-face è un’interessate caratteristica delle specifiche CSS3 che permette di caricare e di usare all’interno delle pagine web qualsiasi font non standard in maniera dinamica e scalabile. La proprietà @font-face è una delle regole appartenenti alle @-rules (@charset, @import, @media, @page, @font-face, @namespace) del CSS.

Alcuni benefici nell’uso di @font-face sono:

  • piena compatibilità con gli strumenti di ricerca
  • accessibilità e compatibilità con gli strumenti di screen readers
  • il testo viene riconosciuto dai traduttori automatici (es. google traslate)
  • pieno supporto per le proprietà CSS relative al testo: line-height, letter-spacing, text-shadow, text-align, e i selettori quali ::first-letter e ::first-line

Continue Reading


Cropping, clipping e Masking in CSS

In computer graphics, due operazione largamente utilizzate sono il crop e il mask. Entrambe le operazioni nascondono delle porzioni di immagini e se avete lavorato con SVG o con il Canvas HTML allora la terminologia non dovrebbe essere una novità. Il clipping definisce l’area visibile di un elemento: tutto ciò che sta intorno a quest’area non viene renderizzato e quindi “ritagliato”. La maschera invece, che viene applicata all’immagine, definisce attraverso il canale alfa la porzione di immagine da rendere “trasparente” e quindi non visibile. La trasparenza ovviamente può variare a seconda della quantità di colore della maschera.

Una novità nel CSS è proprio quella di applicare queste due operazioni al mondo HTML. Continue Reading


Pagine:12

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close