:::: MENU ::::
Monthly Archives: dicembre 2015

Siti web che leggono le emozioni degli utenti?

computer-mouse_3526373b

Ma come, direte voi? Semplicemente analizzando il comportamento del mouse, o meglio del puntatore sullo schermo.

Quando un utente inizia battere il mouse sulla scrivania con una certa “energia” è giusto presumere che sia infastidito, stressato o sta vivendo in qualche modo delle emozioni negative. I ricercatori della Brigham Young University, nello Utah, hanno scoperto che gli utenti usano il mouse diversamente a seconda del loro umore. La ricerca ha scoperto che gli utenti arrabbiati sono più propensi a utilizzare il mouse con una serie di scatti improvvisi. Gli utenti frustrati, confusi o tristi sono invece meno precisi nei loro movimenti e spostano il mouse a diverse velocità. Continue Reading


L’architettura REST

REpresentational State Transfer (REST) è un tipo di architettura software per i sistemi di ipertesto distribuiti come il World Wide Web. I termini “representational state transfer” e “REST” furono introdotti nel 2000 nella tesi di dottorato di Roy Fielding, uno dei principali autori delle specifiche dell’Hypertext Transfer Protocol (HTTP), termine ampiamente usato nella comunità di Internet. fonte Wikipedia

In parole povere, possiamo dire che REST è uno stile di architettura per la progettazione di applicazioni in rete. L’idea è che, invece di usare i meccanismi complessi dei Web Services come CORBA, RPC o SOAP per il collegamento tra host, viene utilizzato il protocollo HTTP per gestire richieste ed effettuare chiamate tra due punti. In effetti lo stesso World Wide Web, che si basa su HTTP, può essere visto come un’immensa architettura basata su REST. Continue Reading


S.O.L.I.D. ovvero i 5 principi della programmazione ad oggetti

Il termine SOLID  viene utilizzato per indicare i cinque principi di progettazione orientata agli oggetti (OOD) di Robert C. Martin, conosciuto al mondo come zio Bob. I principi SOLID sono intesi come linee guida per lo sviluppo di software estendibile e manutenibile, in particolare nel contesto di pratiche di sviluppo agili e fondate sull’identificazione di code smell e sul refactoring. La parola SOLID è un acronimo che serve a ricordare tali principi (Single responsibility, Open-closed, Liskov substitution, Interface segregation, Dependency inversion), e fu coniata da Michael Feathers.

  • S – Single-responsiblity principle
  • O – Open-closed principle
  • L – Liskov substitution principle
  • I – Interface segregation principle
  • D – Dependency Inversion Principle

Continue Reading


Gerarchia visiva delle informazioni

L’obiettivo del visual design è quello di comunicare. Come organizzare e dare la priorità gli elementi veicolando informazioni preziose sulla loro importanza relativa? La gerarchia visiva aiuta la comprensione, rafforza il messaggio, e guida il lettore attraverso i contenuti.

Una gerarchia è – brevemente – un’organizzazione di elementi in diversi livelli di importanza. Attraverso dei principi di progettazione di base si sottolineano quali elementi rispetto ad altri siano più importanti e si progettano i contenuti per fornire indicazioni visive per gli elementi che stanno sullo stesso livello della gerarchia. L’organizzazione della pagina quindi crea un certo senso di ordine. Continue Reading


Gutenberg Diagram, Z-Pattern, e F-Pattern

Comprendere come gli utenti leggono sul web è fondamentale per costruire dei layout efficaci e posizionare i contenuti in modo tale da attirare più facilmente l’attenzione del lettore. Spesso la “letteratura” del design raccomanda l’applicazione di modelli di layout che consentono di ottimizzare la posizione degli elementi nello spazio. I più comuni sono il diagramma di Gutenberg, il layout z-pattern, e il layout f-pattern. Ciascuno offre dei consigli utili su come e dove posizionare le informazioni importanti, anche se spesso questi modelli vengono fraintesi e usati senza pensare a ciò che realmente descrivono. Continue Reading


By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close